Liguria

Alla scoperta dell’Ecovillaggio Torri Superiore

Postato il

di Graziano Consiglieri

Sono passati oltre 27 anni, da quell’11 giugno 1989 nel quale, con la firma dell’atto costitutivo della Associazione Torri Superiore, nasceva ufficialmente l’omonimo Ecovillaggio. Un borgo del 1300, nell’entroterra di Ventimiglia, cominciava così a riprendere vita, per opera di un gruppo di persone che cercavano un modo diverso di vivere non solo una comunità ma anche la stessa vita, orientandosi verso la sostenibilità, la resilienza e un nuovo tipo di economia.

Da allora la storia è stata lunga, passando dalla certosina ricerca dei molti proprietari delle singole unità abitative, per arrivare al completamento della ricostruzione: un’opera durata appunto 27 anni, nei quali una buona parte delle persone coinvolte è anche cambiata, ma dove è rimasto inalterato lo spirito che aveva ispirato i primi tempi. frontale 5
Così l’Ecovillaggio Torri Superiore, un complesso edilizio che conta 162 stanze (dalle sale ristorante alle unità abitative dei singoli soci, agli spazi comuni, alle camere a disposizione degli ospiti, alle molte cantine e locali tecnici) è divenuto uno dei simboli della Rete Italiana Villaggi Ecologici (Rive) e del Global Ecovillage Network (GEN), ma soprattutto una meta da visitare da parte di tutti coloro che cercano un approccio naturale alla vacanza vissuta in modo sostenibile.

“Proprio il completamento del grande obiettivo che ha animato l’Ecovillaggio, ossia il termine dei lavori di ristrutturazione – afferma Massimo Candela, presidente della Cooperativa Ture Nirvane, il braccio operativo dell’Associazione Torri Superiore – ora ci pone davanti alla possibilità di cercare nuovi stimoli e nuovi obiettivi. Siamo arrivati a questo punto con le nostre forze, con pochi finanziamenti pubblici (e non sulla ristrutturazione) e senza fare ricordo a prestiti da istituti di credito. È stato il lavoro, anche in ambito di turismo ricettivo, unito al sostegno personale dei soci, a permetterci di costruire questa realtà, che ora si avvia verso la seconda fase della sua vita”.

L’attività ricettiva può essere una delle vie privilegiate per aprire nuovi obiettivi.

“All’Ecovillaggio la comunità residente è composta da 22 persone – spiega ancora Massimo Candela – ossia 15 adulti e 7 tra ragazzi e bambini. Chiunque venga a Torri Superiore a vario titolo, come volontario o come ospite per turismo, si trova immerso in questa realtà. Mentre le camere permettono la giusta privacy, con una ventina di posti letto a disposizione, gli spazi comuni garantiscono la possibilità di conoscere non solo la vita dell’Ecovillaggio e di chi vi risiede stabilmente, ma anche l’opportunità di conoscere gli altri ospiti, stringere nuove amicizie, incontrare e confrontarsi con altre esperienza. Insomma una situazione particolarmente stimolante, vissuta però in pieno relax, data la particolare posizione del borgo, immerso nella natura tipica della Liguria di Ponente”.

Vicino alla via di comunicazione tra Italia e Francia, ma fuori dalle strade trafficate e dalla confusione, l’Ecovillaggio, a 11 km da Ventimiglia e dal mare, è da sempre sede di corsi che hanno nella resilienza, nella vita di comunità e nelle strategie, anche pratiche, di economia “verde” e sostenibile il loro comune fondamento.

“I corsi – precisa Massimo Candela – e il turismo di gruppi e singoli sono la fonte di sostegno principale dell’Ecovillaggio. Dalla scorsa estate è in atto uno sviluppo ulteriore di questa attività,  che punta molto su un processo di innovazione degli appuntamenti e di ricerca di nuove nicchie. È nata così la prima esperienza del “Festival di Primavera – Il Risveglio della Terra”, che dall’1 al 3 aprile scorso, nell’arco dei tre giorni, ha visto svolgersi ben 17 diversi eventi, a tema olistico, culturale, musicale e ricreativo. Un grande successo, che ha richiamato complessivamente a Torri circa 600 persone. Nella seconda metà di giugno, sulla scia della nascita della Rete di Imprese “Le Terre di Confine”, di cui l’Ecovillaggio è uno dei soci fondatori, è andato in scena da noi parte del Borderland Festival, durante il quale la Rete appena costituita ha avuto modo di presentarsi ma anche di approfondire, nelle sue molte sfaccettature, il tema, appunto, del confine, visto come limite ma anche come opportunità”.

Contemporaneamente è stato aperto un laboratorio di ceramica, che potrebbe diventare una delle attività costantemente presenti all’Ecovillaggio, mentre nell’estate, per il secondo anno consecutivo, proseguiranno gli incontri serali, a cadenza settimanale, sulle tematiche della salute e del benessere, con sessioni di yoga della risata, presentazione di rimedi naturali (come nel caso dell’aloe e di altre piante), gli incontri di naturopatia, per un programma che potrebbe ampliarsi, essendo ancora allo studio.

Un ulteriore impulso è arrivato, nei primi mesi dell’anno in corso, dalla costituzione della Rete di Imprese “Le Terre di Confine”.

“Siamo sei aziende – conclude Candela – unite dal desiderio di lavorare e rilanciare un territorio, quello a cavallo tra Francia e Italia, puntando sulla sostenibilità e sulla solidarietà. Oltre all’Ecovillaggio ne fanno parte una cooperativa sociale di tipo B, che opera per l’inserimento lavorativo dei disabili, un apiario e altre tre aziende agricole, tutte attive nel settore dell’economia verde. Per noi è una nuova grande sfida, che ci sta portando ad impegnarci accanto a soci che hanno lo stesso interesse e la stessa sensibilità che ci hanno caratterizzato da sempre e che saranno ancora il nostro tratto distintivo anche in futuro”.

Tra le prime attività in agenda, oltre all’avvio di una fattoria didattica diffusa e di coltivazioni innovative “verdi” in ambito agricolo, anche l’idea di essere il punto di riferimento di “Vivere Sostenibile” per le province di Imperia e Savona, un progetto già in buono stadio di avanzamento.

www.torrisuperiore.org

Annunci