Un secondo cane: si, no, forse…

di Catherine Ratajczak Guidi, educatore cinofilodogsandcath

Avete già un cane e state pensando di adottarne un altro. Pensate che in due i cani si possono fare compagnia, giocando insieme alla pari e via dicendo. Prima di farlo conviene analizzare alcuni aspetti per capire se questa decisione è quella giusta oppure no.

La prima cosa da valutare è il carattere del cane già presente in casa. E’ un cane socievole? Va d’accordo con tutti, cuccioli compresi? E’ territoriale? E’ possessivo sul cibo o sui giocattoli? La territorialità, la possessività così come la gelosia morbosa nei vostri confronti non vanno d’accordo con la presenza di un altro cane. Inoltre il vostro cane rispetta le regole di casa e riconosce la vostra leadership? Un nuovo arrivato imiterà probabilmente il primo e quindi la situazione potrebbe diventare ingestibile in caso di troppa disinvoltura e autonomia canina.

Se invece il vostro amico è equilibrato potete cominciare a ragionare su una seconda adozione. Solitamente si consiglia di adottare una femmina se avete già un maschio o viceversa. Fare convivere due maschi è davvero arduo mentre con due femmine è più semplice, almeno teoricamente. Potrebbero esserci delle difficoltà al momento dei calori o in caso di gravidanze isteriche. Ma se sono sterilizzate i problemi sono davvero poco probabili, sempre che abbiano dei caratteri compatibili.

Se optate per una coppia maschio-femmina la sterilizzazione è da mettere in conto a meno che non vogliate separarli per il tempo del calore. Non parliamo di una separazione in casa troppo stressante per il maschio ma di un allontanamento temporaneo che può essere a casa di una persona di fiducia o anche in una pensione. Valutate bene prima se è quello che volete per lui.

Siete più orientati a un altro cane adulto o a un cucciolo? Se preferite un cucciolo dovete essere certi che il vostro amico vada d’accordo con i cuccioli. Inoltre non dovrebbe esserci un divario di età troppo grande tra loro. Un cane anziano ha delle esigenze completamente diverse da un cucciolo e difficilmente avrà la pazienza necessaria per sopportare un piccolo tornado! Se pensate a un altro cane adulto dovete accertarvi che abbiano personalità compatibili. Quindi ben vengano gli incontri fuori casa, anche più di uno se necessario.

Gli incontri conoscitivi vanno fatti in un luogo neutro, un parco, un prato, un giardino. L’importante è che non abbia un significo particolare per nessuno dei due cani. L’incontro deve essere all’insegna del divertimento. Si può anche pensare a qualche passeggiata insieme. Se vedete che non c’è feeling lasciate perdere e orientatevi su un altro animale. Non abbiate fretta, è meglio cercare con calma e trovare l’elemento giusto per ingrandire la vostra famiglia.

In casa ogni cane avrà la sua cuccia, la sua ciotola e i suoi giocattoli. Se e quando i tempi saranno maturi ci penseranno casomai loro a scambiarseli o a condividerli.

Una volta arrivato il secondo cane cercate di stravolgere il meno possibile la routine del primo per fargli capire che il nuovo arrivato non è un intruso. Se ci sono battibecchi tra di loro intervenite il meno possibile, viene spontaneo in presenza di un cucciolo! Deve imparare le regole di convivenza e rispettare il cane adulto. Spesso si tende a intervenire a favore del secondo ma questo non aiuta i cani a trovare un loro equilibrio.

Per quanto riguarda le uscite li potete portare fuori insieme se vedete che vanno d’accordo. Ma se ne avete la possibilità fate ogni tanto un’uscita con ognuno di loro. Serve a dare del respiro al singolo cane e rinforza il suo legame con voi.

Avere due cani significa quindi doppio impegno di tempo, specialmente nella prima fase di convivenza, ma anche doppio spazio dedicato a loro e costi doppi. Avete valutato anche questi aspetti? Se la risposta è sì, cominciate la vostra ricerca e buona fortuna!