La Bobina B.A.C. migliora la vita

di Riccardo Tonelli – energieditransizione@gmail.com

bobina-bac

L’Associazione Comunità Energetica promuove le energie rinnovabili e tutti quei sistemi per vivere più in armonia con la natura.

Da alcuni anni sperimentiamo sistemi innovativi, tra i tanti quello che ci ha più colpito per la sua estrema semplicità, gratuità ed efficacia e che stiamo testando è la Bobina Bifilare Autoinduttiva Chiusa (B.A.C.) in sostanza è una semplicissima bobina che agisce in modo “particolare” sui fluidi e i gas.

Abbiamo così iniziato una collaborazione con l’Associazione Ecocreando che da anni testa questo dispositivo e anche grazie all’aiuto di un altro collaboratore oggi possiamo finalmente parlare dei suoi benefici.

Sembra incredibile, ma indossando al polso o caviglia una bobina bifilare avvolta con 2-3 giri di normale cavo elettrico da 1,5mm2 e poi chiudendola unendo i 2 capi di fili interni e i 2 capi esterni, si ottiene un oggetto che non è solo un antenna ma soprattutto, perturba alcune frequenze dell’infrarosso, questo ha l’effetto di aumentare l’ossigenazione del sangue e se messo anche in coppia con un altro uguale (es: una bobina per ogni polso), dà i seguenti benefici:

– migliore fluidità del sangue e quindi migliore ossigenazione dei tessuti globale,

– minor affaticamento, minor pesantezza di gambe, meno vene varicose e rischio di trombosi causate da troppa densità del sangue,

– sensazione di benessere diffusa, in particolare l’effetto benefico è evidente se malati o per le persone anziane con problemi di circolazione.

Costa meno di 1 Euro e 10-15 minuti di tempo l’una, sembra uno spot ma la cosa bella è che funziona!

Ad oggi non vi è ancora una spiegazione scientifica certa di come e perché la Bobina lavori, ma degli strumenti certificati ci stanno dando già riscontri molto interessanti e la sua diffusione e sperimentazione possono sicuramente contribuire a comprenderne meglio il suo funzionamento.

C’è chi considera tutto questo una bufala anche se poi non vuole approfondire le anomalie e chi sta leggendo può far finta di niente, oppure, se la curiosità e la voglia di cambiamento sono più forti, si può provare a realizzarla e utilizzarla su di sé o i propri cari, magari continuando a pensare che… nel caso peggiore non serve a nulla.

Se vuoi puoi venire Martedì 7 Febbraio alle 21 al Centro Malpensa di via C. Jussi 33 a San Lazzaro (BO), o più semplicemente visitare i siti delle Associazioni (http://ecocreando.weebly.com).

Noi ti chiediamo solamente di segnalare ai nostri siti le tue impressioni e i tuoi risultati, consentendoci così di continuare nella raccolta dati per la comprensione di questo oggetto.