Un mese in giardino: gennaio

Commenti e riflessioni del Maestro Giardiniere.

di Carlo Pagani

C’è chi in attesa della primavera lucida la moto in cantina e chi decide di lanciarsi nelle discese alpine sulla neve, in entrambi i casi c’è il rischio di andare a sbattere. La figura anomala del giardiniere, persona sotto certi aspetti romantica che rifugge la velocità essendo collaudato ai tempi della natura, preferisce mettersi accanto alla stufa nel magazzino ed iniziare la selezione dei semi raccolti durante l’estate. Operazione meticolosa che necessita di attenzione e che insegna a distinguere i semi per genere. Alcuni aspettano marzo per essere seminati direttamente, altri necessitano di stratificazione al gelo e siamo ancora a tempo, ad altri ancora servirà la mollitura per non parlare della scarificazione andando ad intaccare il tegumento. In parecchi semi è più importante l’intervento in pre semina che non la semina diretta. Per il giardiniere la semina è il momento più importante dell’attività. E’ far l’amore con la terra, immettere amorevolmente i semi ed attendere con pazienza che rimanga incinta! Il germoglio che bucherà la terra è la nascita ma il meglio dovrà ancora venire, si tratterà di crescere la pianta e molto dipenderà dal padre giardiniere, in pratica una storia parallela a quella dell’uomo. Se mi è concessa la classica ironia penso alla mia amata signora Maria che fa molta attenzione alle mie indicazioni che porto in Tv ogni giorno, che trascrive minuziosamente le mie raccomandazioni, salvo capovolgerne la lettura e stratificare a primavera anziché a dicembre o seminare a gennaio le carote anziché ad aprile, eppure qualcosa va a buon fine, qualcosa riesce a germinare. Seminare è dare continuità alla natura anche partendo dal seme di una rosa. A tal proposito per chi ha provveduto a raccogliere i cinorrodi delle rose per tentare la semina a primavera, dopo averli spolpati, messi ad asciugare e conservati nelle apposite bustine, aprite e verificate che il seme non sia ammuffito, ne va della futura rosa a cui darete vita. Infine un occhio al cielo ed uno al termometro per la semina in seminiera in luogo protetto, se luce e i 24 gradi interni lo consentono è ora di seminare pomodori, melanzane e peperoni, serviranno una sessantina di giorni perché diventino plantule pronte per il trapianto e il tempo coinciderà con fine marzo primi di aprile la giusta stagione per le piantagioni in pieno campo. Nel frattempo nell’orto si provvede allo svuotamento della parte sottostante la compostaia, sarà un ottimo letto di semina per le semine primaverili. La cenere prodotta dal caminetto distribuita sulle piantagioni di aglio e bulbi di cipolla così come in giardino sulle peonie ed iris, costituisce un ottimo apporto di potassio alle bulbose di cui sono ghiotte. In giardino le erbacee perenni sono ancora accovacciate sotto la vegetazione rinsecchita e le foglie che fanno da pacciamatura e protezione dal gelo. In gennaio le giornate iniziano il loro percorso di allungamento e l’ansia di poter rimettere le mani nel giardino è palpabile dalla signora Maria al primo giardiniere d’Italia, tutti insieme per vestire di bellezza il nostro territorio.

LA PIANTA VEDETTE DEL MESE

Sul finire del mese camminando per il giardino si iniziano a respirare i primi profumi che emanano le piante con questa caratteristica. Una di queste è la Sarcococca confusa, un piccolo arbusto di 50760 cm. di altezza che in contemporanea alla presenza delle bacche nere e lucide, avvia la fioritura attraverso piccoli campanelli color bianco crema al di sotto del fogliame, quasi a non volersi far vedere! L’arbusto è sempreverde, preferisce terreni  freschi da neutri a tendenti all’acido ed  esposizioni a mezz’ombra di facile coltivazione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...