Consigli per una tintarella bio, naturale e sicura per la salute e l’ambiente

Per evitare scottature e fotoinvecchiamento precoce, NATRUE, l’Associazione Internazionale no profit con sede a Bruxelles che dal 2007 promuove e tutela l’autentica cosmesi naturale, biologica e certificata, indica le regole per proteggersi dagli effetti nocivi del sole scegliendo le migliori formulazioni solari ecobio.

La prima regola è scegliere una protezione adeguata, fondamentale non solo per i bambini o per chi ha la pelle sensibile, ma per tutti. L’esposizione non protetta ai raggi UVA e UVB potrebbe causare spiacevoli scottature, contribuire ad accelerare l’invecchiamento cutaneo o causare seri problemi di salute. Oltre ad esporsi al sole in modo intelligente, evitando gli orari critici ad esempio dalle ore 11 e le 16 quando si concentra il 95% di tutta l’irradiazione, diventa fondamentale scegliere i prodotti che garantiscono la miglior protezione.

Le protezioni solari ecobio filtrano le radiazioni riflettendo e diffondendo i raggi UV e questo le differenzia dalle protezioni convenzionali, che invece contengono filtri chimici che li assorbono e modificano rendendoli innocui per la pelle. Le formulazioni solari certificate NATRUE possono includere solo ingredienti che si trovano in natura o derivati da fonti naturali. Per questo motivo lo standard NATRUE prevede solo filtri minerali a base di diossido di titanio o di monossido di zinco, che sono classificati come sostanze identiche alla natura. Nei solari sono ammessi anche nanomateriali, in quanto sono stati valutati come assolutamente sicuri dal Comitato Scientifico sulla Sicurezza del Consumatore dell’Unione Europea. Poiché i criteri del marchio NATRUE hanno alla base la legislazione dell’UE che garantisce la sicurezza di tutti i prodotti cosmetici, NATRUE lascia la scelta se utilizzare o meno i nanomateriali alle aziende produttrici, precisando che in caso di presenza di nanoparticelle, in etichetta deve essere specificato a fianco del nome della sostanza l’indicazione ‘nano’ per informare i consumatori.

Per ridurre al minimo l’effetto wash-off nelle acque, è consigliabile applicare bene la protezione solare e nelle giuste quantità: la dose consigliata per un adulto medio è di circa 36 grammi, anche se generalmente se ne utilizza una quantità molto inferiore, intorno ai 15 grammi. È fondamentale anche proteggersi in montagna, dove gli effetti dei raggi UV sono maggiori.

L’impatto ambientale dei prodotti solari è un elemento importante per NATRUE, che monitora costantemente le evidenze scientifiche in via di sviluppo al fine di stabilire eventuali requisiti futuri per i solari ecobio. Tutti i filtri solari certificati NATRUE devono includere solo ingredienti trovati, isolati o derivati dalla natura e da fonti naturali. In questo modo, le creme solari certificate NATRUE offrono un’alternativa naturale ai consumatori che comprano prodotti per la protezione solare.

L’Associazione invita, infine, a fare molta attenzione alle formulazioni e agli ingredienti prima dell’acquisto, ricordando che sono oltre 40 i prodotti solari ecobio garantiti dal marchio NATRUE. La scelta è molta ampia e comprende creme solari, balsami per labbra, after sun e autoabbronzanti.

www.natrue.org

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...