Consapevolezza al Centro Natura – prova corsi

 

di Laura Villanova

Ce ne vuole tanta, in ogni situazione, anche in quelle più usuali. Prima di agire fermiamoci a poniamoci in uno stato di attenzione. Prestare attenzione a come si mangia, oltre a cosa si ha nel piatto. Garantire attenzione quando ascoltiamo, quando guardiamo, indipendentemente dal chi o dal cosa richiami il nostro udito o la nostra vista. Utilizzare i nostri sensi per percepire il presente e rapportarsi con il mondo. In armonia.
Consapevolezza deriva da consapere, composto di con e sapere. E’ quello stato in cui la cognizione di “un qualcosa” viene interiorizzata; la si “sente dentro alla pancia” e, se si riesce a digerirla, ecco che arriva a fare parte di sé, armonizzandosi con il tutto il resto presente. Stimola i principi etici, le regole che indicano la via, lo stile di vita, facendoci sentire nel giusto, pienamente nella nostra verità.
Quando varchi la porta di centro natura puoi provare a sperimentarla dentro e fuori di te. Sfogliando un volantino, chiedendo informazioni sui corsi, leggendo il menù del giorno o quello del sabato sera. Tante le opportunità per sperimentarla, basta fermarsi e chiedersi “è la cosa giusta per me adesso?” Che sia al ristorante bio vegetariano, dove al banco ti viene chiesto di scegliere tra le tante proposte. Puoi farlo superficialmente prendendo le “solite cose” oppure ascoltandoti, riconoscendo di cosa e di quanto ha bisogno il tuo organismo, cosa e quanto può soddisfare le tue emozioni. Dolce o salato, acido o piccante, freddo o caldo. Oppure puoi farlo scegliendo per regalarti benessere con un trattamento e definire se su pelle, con olii, riflessologico, energetico o rilassante. Un altro momento in cui agire la propria consapevolezza è scegliere l’attività di palestra portando a definire il livello delle proprie capacità e delle proprie esigenze, per orientarsi alla scelta migliore e iniziare con entusiasmo. Qualunque movimento si esegua, se raggiunto con attenzione permette di evidenziare quanto stia accadendo e quanto questo porti a sviluppare cambiamenti. Chi è consapevole non si muove passivamente, non subisce, bensì affronta ed elabora la soluzione per raggiungere l’obiettivo, che sia un’asana, una serie di addominali, un allungamento o un kata. Chi non si permette di agire con consapevolezza rischia di rimanere bloccato o ostaggio di altrui decisioni.  Essere consapevoli nasce dall’osservarsi, senza pregiudizi, senza aspettative. Ascoltare ed ascoltarsi, mantenere uno stato vigile che consenta di osservare ciò che sta avvenendo, movimento dopo movimento, scelta dopo scelta; sono i migliori alleati per vincere quelli che si considerano limiti e lasciarli al passato. Consapevolmente.

Due i giorni per farlo gratuitamente: sabato 15 e domenica 16 settembre in via degli Albari 4° a Bologna.
Il resto della vita se la festa di centro natura non fosse il momento giusto.

Informazioni e dettagli www.centronatura.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...